News

Il Gusto Quotidiano di giovedì 16 settembre

Notizia del 16/09/2010

La ricetta del giorno

Risotto all'uva e salsiccia

Ingredienti

Per 6 persone

* risotto alla parmigiana

* 3 cucchiai di olio di oliva

* 1 cipolla tritata

* 2 salsicce

* 200 gr chicchi di uva bianca

* 125 ml di vino bianco secco

* sale e pepe q.b.

* parmigiano grattugiato

Inoltre...

* Ricette con l'uva : Uva: Antipasti e primi piatti con l'uva »

Ci piace con...

* Müller Thurgau

Procedimento

Per prima cosa private l'uva della sua pellicina, immergendo i chicchi per un minuto nell' acqua bollente, e poi dei suoi semini.

Partite poi col metodo tradizionale per cucinare il risotto cioè facendo imbiondire in una padella antiaderente in un po' di olio la cipolla. Si aggiungono poi le salsicce sbriciolate e spellate e fate cuocere per circa 5 minuti.

Aggiungete poi tanti pugni di riso quanti sono i commensali, e fate rosolare per una decina di secondi in modo che tutti i chicchi si impregnino bene coll' olio. Bagnate con un po' di vino bianco secco, fatelo evaporare, aggiungete i chicchi di uva e versate poi il brodo bollente tutto in una volta: un mestolo a persona più due per la pentola. Fate cuocere per 15 minuti circa senza mai girare (caso mai scuotete ogni tanto la padella) e a fine cottura togliete la pentola dal fuoco, aggiungete abbondante parmigiano, una noce di burro e mantecate per qualche minuto fuori dal fuoco.

--------------------------------------------------------

150 ° Anniversario della Battaglia di Castelfidardo

Dal 10 al 29 settembre fitto programma di iniziative, Mostre, Convegni, Pubblicazioni, Sfilata e Rievocazione storica

Sono iniziate il 10 settembre le celebrazioni del 150° anniversario della battaglia di Castelfidardo e si concluderanno il 29 del mese: mostre, convegni, pubblicazioni di pregio, concerti, sfilate, rievocazioni in costume; un fitto calendario di eventi rimarca il ruolo di una data storica nel processo risorgimentale e nell'unificazione italiana.

Un programma di elevato spessore culturale, che compendia il lavoro di un anno del Comitato promotore, di cui fa parte Paolo Scisciani, in rappresentanza dell'Associazione Tolentino 815 e della città di Tolentino. Iniziativa ricompresa nel programma delle celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri, autorizzata all'utilizzo del logo del 150° unità d'Italia. Quel 18 settembre 1860 permette oggiAggiungi un appuntamento per oggi a Castelfidardo ed alle Marche di giocare d'anticipo rispetto ai festeggiamenti Nazionali e di rendersi promotrice di un messaggio di unità (http://www.comune.castelfidardo.an.it/visitatore/index.php?id=6 )

L'avvio ufficiale si è avuto il giorno 10 con l'uscita straordinaria sul Corriere Adriatico dell'inserto 'La Battaglia di Castelfidardo, 18 settembre 1860” in 25.000 copie, un opuscolo di 48 pagine a colori, ove nelle prime è riportata anche descrizione e foto della Battaglia di Tolentino, mentre in quelle finali viene presentato il progetto del Parco storico ambientale delle battaglie di Tolentino e Castelfidardo. La legge regionale n. 5 del 9.2.2010 Valorizzazione dei luoghi della memoria storica relativi alle battaglie di Tolentino e Castelfidardo e divulgazione dei relativi fatti storici, ne è un primo passo, per allargare a tutti i comuni dei due territori ove di fatto nel 1815 ebbe inizio il Risorgimento e nel 1860 si svolse l'evento bellico determinante nel processo unitario.

Le iniziative avranno il massimo sviluppo nel prossimo week-end, con un congresso internazionale di studi il 18 settembre, il corteo storico-istituzionale e la rievocazione storica domenica 19.

Per i fini palati degli appassionati, non mancherà una ristampa anastatica di grande qualità del volume storico del 1864 'Album della guerra d'Italia 1860-61” di Gustavo Strafforello, abbinata alla mostra, un convegno nazionale di studi promosso dall'Anpi; e ancora, le visite guidate di Italia Nostra al Museo del Risorgimento e all'accampamento storico al Parco del Monumento Nazionale delle Marche.

Proprio qui si svolgerà la prima edizione della rievocazione storica della battaglia di Castelfidardo, curata dall'Associazione Tolentino 815, con la partecipazione di vari gruppi storici risorgimentali in divisa, equipaggiamento ed armi dell'epoca; effettuano sfilate, manovre, esercitazioni e simulazioni di scontri tra eserciti. La rappresentazione all'aperto, come un teatro di strada, proprio nei luoghi ove si è svolta la battaglia nel 1860, risulta un evento altamente spettacolare, didattico, pacifico e coinvolgente; occasione di cultura e di piacere, attraverso una sorta di 'storia vivente'.

Giovedi 23 settembre è prevista la presentazione del libro Battaglia di Tolentino del 2 e 3 maggio 1815, la prima per l'indipendenza Italiana (Materiali e Documenti, nel XV di attività dell'Associazione Tolentino 815) a cura di Paolo Scisciani.

L'ispirazione di fondo nasce dalla volontà di mantenere un profilo alto, che renda giustizia alle battaglie marchigiane, valorizzi il ruolo del risorgimento e lo trasmetta concretamente alle generazioni future.

Altre manifestazioni collegate sono il concerto delle bande, quello dell'associazione carabinieri in congedo e via dicendo fino a cedere il testimone ad Ancona a fine settembre; senza dimenticare gli importanti interventi di restyling volti a ridare dignità alle strutture simbolo del patrimonio di Castelfidardo: Ossario, Cancellata del Monumento e gruppo bronzeo.

Via Nazionale, 2-62.029 TOLENTINO (MC)

Tel.- Fax. +39.0733.960778 - info@tolentino815.it - www.tolentino815.it

---------------------------------------------------------------------------------------------------

Patata in Bo

Conferenza stampa di presentazione della seconda edizione di “Patata in Bo”che si tiene nella sede ASCOM di Bologna, Strada maggiore 23, Bologna, oggi, giovedì 16 settembre alle ore 12,00.

 

Relatori: Giancarlo Tonelli, Direttore Ascom Bologna, Valentino Di Pisa, Vicepresidente Ascom Bologna,Gianluigi Veronesi,Direttore rivista Degusta, on. Giancarlo Mazzuca, editorialista del Quotidiano Nazionale, Gianluca Cristoni, Camera di Commercio Bologna, Antonio Caliceti, Presidente Confagricoltura Bologna, Raffaella Zanni, Cia Bologna Andrea Galli, direttore Consorzio Patata di Bologna DOP, Giuseppe Pallotta, Direttore generale Carisbo

PATATA in BO: Bologna è la capitale della Patata

Al via la seconda edizione di “Patata in Bo”- L’iniziativa dedicata alla patata bolognese fra gastronomia, turismo, commercio e ricerca universitaria

L’attenzione che si sta concentrando intorno alla seconda edizione di Patata in Bo e le adesioni al progetto di comunicazione, su cui tutta l’iniziativa si basa, ci fanno pensare che probabilmente la patata, considerata per lungo tempo un prodotto povero e di poco valore, stia in realtà diventando un prodotto agricolo capace di suscitare interesse ed attrazione. E così l’ampia filiera che opera a monte del buon boccone, di cui magari i consumatori conoscono poco, assume un ruolo sempre più importante. Agricoltura, lavorazione e trasformazione, trasporti, commercio, vendita e consumi alimentari, istruzione, ricerca, sperimentazione e infine il comparto del turismo, tanto che Patata in Bo è stata inserita nel più ampio cartellone di iniziative “Wine e Food Festival dell’Emilia Romagna”, promosso dall’APT regionale. La patata allora è il pretesto per una promozione a 360 gradi e un’occasione economica che può crescere, visto che ormai, indiscutibilmente, Bologna è la Capitale italiana della Patata e il calendario di iniziative che andranno in scena dal 20 al 26 settembre lo dimostra. Saranno quindi le seicentesche cantine di PALAZZO ALBERGATI, considerato tra le più importanti ed originali opere architettoniche di tutto il Barocco Europeo, la prestigiosa sede della serata di inaugurazione ufficiale della settimana, fissata per martedì 21 alle ore 20,00, con ingresso rigorosamente ad invito. Primo appuntamento in calendario, lunedì 20 sarà “Patata in Jazz” alla “Cantina Bentivoglio” con la degustazione di piatti tipici fra le note del Marco Ferri Quartet. Mercoledì 22 l’iniziativa “Le patate fanno scuola”, i medici dietisti dell’ANDID (Ass. Naz. Dietisti) incontreranno i bambini per parlare di corretta alimentazione e realizzare alcuni testi a tema: una giuria composta da 5 giornalisti premierà i temi di 3 alunni che riceveranno “tante patate quanto pesano”. Giovedì 23 la facoltà di scienze alimentari dell’Università di Bologna, con la piena collaborazione della Federico Secondo di Napoli, sarà la sede del primo congresso dedicato alla qualità degli oli nelle fritture. Venerdì 24 settembre la Cia presenta l’evento di festa “Un tubero magico” con cena e degustazioni rigorosamente a tema, che si terrà nel castello di PoggiAggiungi un appuntamento per oggiolo a Rocca di Roffeno. Si conclude così la settimana e nel week end, a sorpresa prenderà vita una mobilitazione nazionale temporanea di giovani e meno giovani per partecipare ad una curiosa quanto modernissima iniziativa. Domenica 26 la chiusura ufficiale della settimana, con un convegno organizzato da Confagricoltura sulle problematiche connesse alla coltivazione delle patate, che si terrà alle ore 10,00 presso la sede di Confagricoltura a Villanova di Castenaso. E per i consumatori, le buone notizie non finiscono qui: il gruppo Conad, nei punti vendita Margherita e Superstore Conad di Modena e Bologna proporrà un’offerta speciale sull’acquisto delle patate per tutta la durata della manifestazione e allo stesso tempo il gruppo COOP adriatica, proporrà in offerta la famosa patata “Selenella”, nella rete dei supermercati ed ipermercati COOP di Bologna e della Romagna. Anche il gruppo “Felsinea”, importante azienda nazionale della ristorazione collettiva, proporrà nei punti ristoro ad insegna “L’isola delle 12” tra Bologna, Modena e Parma ricette a tema ideate dai rispettivi chef. Non sappiamo se la lungimiranza di Parmentier avesse previsto di poter arrivare a tanto, ma certamente a lui, che per primo fece un’azione di marketing sulla patata, tutte queste iniziative sarebbero state gradite. Ulteriori approfondimenti sull’iniziativa saranno presentati nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella storica sede ASCOM di Bologna, palazzo Segni-Masetti – Strada maggiore 23, Bologna - il giorno giovedì 16 settembre alle ore 12,00.

Informazioni e media relations: ufficiostampa@degusta.it - www.patatainbo.it

-------------------------------------------------------------------------------------

La giornalista RAI e l’intera redazione di Report sono stati premiati

a Illasi (VR) con un vino speciale, imbottigliato

per celebrare la quarta edizione dell’evento

PREMIO TRABUCCHI ALLA PASSIONE CIVILE

DI MILENA GABANELLI

Alla cerimonia presenti anche premiati degli anni precedenti: Ascanio Celestini, Marco Paolini -Gino Strada in collegamento telefonico

Il giornalismo, quello libero e radicale, non deve essere assoggettato ad equilibri di potere e traiettorie politiche. Il giornalismo deve per sua natura informare, analizzare, distinguere i fatti, immergendosi nel mondo reale per restituire voci di cambiamento, idee, connessioni e rinvii, storie e problemi grandi e piccoli di ogni giorno, speranze e lotte. Il giornalismo deve essere in grado di incalzare l’interlocutore, facendo dell’informazione il vessillo della democrazia. Il giornalismo deve essere verità oggettiva spiegata con intelligenza.

Sulla base di queste motivazioni la giuria - composta da Giuseppe e Raffaella Trabucchi, Ascanio Celestini, Marco Paolini e Michela Signori, Gino Strada, Enrico Faccio - ha assegnato il quarto Premio Trabucchi d’Illasi alla Passione Civile alla giornalista Milena Gabanelli e all’intero staff del format Report, che Gabanelli conduce la domenica sera su RAI Tre.Il riconoscimento, che è stato consegnato domenica 5 settembre in villa Trabucchi a Illasi (VR), consiste – come da tradizione - in un Amarone speciale delle cantine della famiglia veronese: un omaggio semplice e simbolico, che vuole incarnare nel proprio sapore la passione e la dedizione con cui Milena Gabanelli e il suo staff costruiscono il proprio modo di fare giornalismo.

Affollatissima di oltre 1500 persone, la premiazione, che ha preso il via nel segno della musica, con Marco Paolini a cantare “Nina” di Gualtiero Bertelli assieme ai musicisti Lorenzo Monguzzi, Roberto Boarini, Gianluca Casadei e Matteo D’Agostino. Al padrone di casa, il prof. Giuseppe Trabucchi, il compito di riferire la motivazione del premio assegnato alla giornalista piacentina e alla sua redazione, di cui erano presenti Sabrina Giannini, Stefania Rimini e Bernardo Iovene. “Per la loro intelligenza comunicativa, per la volontà di sapere, ancor più della curiosità, capaci di porre a distanza le cose, guardando in profondità la realtà e il suo significato – ha detto - Per la loro attività di tutela e accrescimento della democrazia, in difesa da chi, senza bisogno di operare alcuna coercizione sull’elettore, può ottenere il successo, attraverso la semplice soppressione del dibattito pubblico e della libertà di informazione. In una società e in una cultura dove sembra di vivere solo tra situazioni sconcertanti, in cui gli uomini sono attori come fantocci, marionette, automi, Report ci pone un orizzonte in cui la società e i cittadini possono muoversi nella direzione di un cambiamento attivo, coscientemente voluto (…)”.

Interpellati da Massimo Cirri di Caterpillar (RadioDue) e dai mattatori della giuria, Ascanio Celestini e Marco Paolini, i giornalisti di Report hanno quindi raccontato il senso del proprio lavoro e hanno intavolato un avvincente e partecipato “Dialogo sulla passione”.

Collegato in diretta telefonica con l’evento di Illasi, Gino Strada da parte sua ha affermato. “Credo che tutti abbiamo il dovere morale di non star zitti e di non negare la verità. Se il 41 per cento delle vittime nelle guerre sono bambini, abbiamo il dovere di chiederci che senso hanno le guerre. E credo ci sia un legame stretto tra operare per salvare una vita e raccontare la verità”.

Per informazioni:

www.trabucchidillasi.it

___________________________

Informazioni per la stampa:

Ufficio Stampa > Charta Bureau

Giambattista Marchetto 348.5192852  -  press@charta-bureau.com

Antonio Tosi 349.5384153  -  ufficiostampa@charta-bureau.com

Agorà

Marina Tagliaferri 335 6038130, 0481 62385 agora@studio-agora.it

------------------------------------------------------------------------------

La Renana inaugura il nuovo impianto irriguo di Medicina

Altri 2 mila ettari irrigati dalla rete in pressione connessa al Cer, attraverso la stazione di rilancio Morella. I pozzetti di prelievo aziendale consentono la massima resa irrigua ed un effettivo risparmio delle quantilità idriche utilizzate.

Con l'inaugurazione dell'impianto e della vasca di rilancio Morella, venerdì prossimo, la Bonifica Renana completa la rete di distribuzione primaria della acque del Canale Emiliano Romagnolo anche nei comuni di Medicina e Castel Guelfo. Saranno così altri 2000 gli ettari di pianura che potranno usufruire di acqua irrigua di superficie, proveniente dal Po, tramite le condotte in pressione sotterranee che giungono fino ai confini di 200 aziende agricole, in una delle zone più fertili e vocate alle produzioni di qualità del territorio bolognese.

Si tratta di un'opera idraulica imponente che, oltre ad abbinare efficienza irrigua e massimo risparmio della risorsa idrica, garantisce un futuro alle produzioni Dop-Igp della zona (basti solo pensare alla Cipolla di Medicina, oltre che alla ricca produzione ortofrutticola locale). L'inaugurazione dell'impianto Morella sarà preceduto da un momento di riflessione comune (alle 16.30, nella sala Consigliare del Comune di Medicina) dedicato alle prospettive irrigue dell'agricoltura bolognese cui parteciperanno Giuseppe Blasi, direttore generale dello sviluppo rurale del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Massimiliano Pederzoli, presidente del CER e gli assessori agricoli Tiberio Rabboni per la Regione e Gabriella Montera per la Provincia.

"Si tratta di un'occasione fondamentale per fare il punto sul futuro agricolo del nostro territorio - sottolinea Giovanni Tamburini - e per presentare alle organizzazioni agricole e alle aziende del territorio i progetti già cantierabili che la Bonifica Renana ha pronti da realizzare nell'ambito delle risorse stanziate dal Piano Irriguo Nazionale".

Alla tavola rotonda, seguirà il trasferimento all'impianto Morella (che si trova ad un chilometro dal centro di Medicina, lungo la via Sillaro) per il taglio del nastro e l'aperitivo inaugurale.

UFFICIO STAMPA

BONIFICA RENANA

-----------------------------------------------------------------------------------

Notizie n.912,913,914 e 915

Torna a inizio pagina


Grafica e layout by mb - Tecnologia Webasic