News | Veneto | Terre d'Acqua

Il Circuito Dannunziano : le iniziative in Veneto

Notizia del 23/03/2010

Il 2010 è l'anno consacrato alla realizzazione del Festival Dannunziano a Pescara : parliamo di una kermesse che si snoderà in diverse giornate di eventi, con musica, teatro, dibattiti, incontri, momenti che coinvolgeranno non solo la città, ma anche le personalità di maggior spicco che hanno tramandato la memoria e il culto di D’Annunzio nel mondo, a partire dai Comuni e dalle Province che fanno parte del Circuito dannunziano nel quale anche l’amministrazione di Pescara è entrata a pieno titolo alcuni mesi orsono, quando il capoluogo adriatico ha ospitato le delegazioni di tali territori. Verrà coinvolto il Vittoriale degli Italiani, con il Presidente della Fondazione Giordano Bruno Guerri.

Ma anche il Veneto è interessato alle iniziative culturali del circuito dannunziano.

Il momento fondamentale sia nella vita che nella carriera artistica di Eleonora Duse ( una tra le più importanti attrici teatrali italiane della fine dell'Ottocento e degli inizi del Novecento, simbolo indiscusso del teatro moderno, anche nei suoi aspetti un po' enfatici), fu il definitivo incontro a Venezia, nel 1894, con Gabriele D'Annunzio, allora poco più che trentenne. Il tempestoso legame sentimentale ed artistico che si stabilì fra l'attrice e il giovane poeta durò una decina d'anni, e contribuì in modo determinante alla fama di D'Annunzio.

Il Castello di San Pelagio a Due Carrare in provincia di Padova (che oggi ospita il Museo dell'Aria), nel 1918 fu sede della squadriglia “La Serenissima” e da qui partì per il Volo su Vienna al comando di G. d’Annunzio.

Eleonora Duse venne ad Asolo nel 1919, ospite della sua amica Lucia Casale, e innamoratasi del luogo desiderò avere una casa per lei. Prese in affitto la Casa Miller-Morrison e diede l'incarico all'ingegnere Sebastiano Cantoni di sistemarla. Scriveva la Duse a Marco Praga nell'autunno del 1920 "Perché Asolo è bello e tranquillo, paesetto di merletti e di poesia; perché non è lontano dalla Venezia che adoro, perché vi stanno dei buoni amici che amo; perché è tra il Grappa e il Montello ....Questo sarà l'asilo della mia ultima vecchiaia, e qui desidero di essere seppellita. Anzi, ricordatelo, e se mai, ditelo ....”. Eleonora Duse fu sepolta con funerali di Stato nel cimitero di S. Anna.

Cesare Ceccangeli, imprenditore, nume tutelare di Villa Nani Mocenigo in Dolo, ha accettato la proposta – idea dell'Associazione Internazionale Azione Borghi Europei del Gusto di presiedere il Comitato che organizzerà le manifestazioni dannunziane in Veneto, mettendo a disposizione la propria Villa quale sede prestigiosa del Comitato.Verrà attivato in questi giorni il rapporto ufficiale con il circuito dannunziano a livello nazionale, in modo da realizzare entro breve tempo un calendario internazionale di incontri. Per la speciale amicizia che lega Cesare Ceccangeli a Marcella Duse (pronipote di Eleonora Duse), sarà possibile coinvolgere l'Artista nella realizzazione di tali manifestazioni.

----------------------------------------------

Notizia n.408 dal Veneto

Torna a inizio pagina


Grafica e layout by mb - Tecnologia Webasic