News | Veneto | Terre d'Acqua

Peccati di gola nella Terra del Tiepolo

Notizia del 18/03/2010

Il bello di una tradizione si scopre anche assaggiando i piatti della cucina locale, che fa parte della cultura di questi luoghi e, sempre più, rientra nelle proposte turistiche dell'Apt, delle Pro Loco e degli assessorati. Il turista contemporaneo è diventato esigente: lo interessa 'tutto' di un luogo, non soltanto le opere d'arte o i bei panorami, ma la storia che lo ha attraversato e fatto diventare quello che

è la sua cultura e le tradizioni gastronomiche che lo rendono uniche. La ristorazione nel Miranese, così come si esprime nei locali pubblici e in occasioni di eventi festosi, è una fusione tra la gastronomia tipica della tradizione veneta e quella più creativa dell'oggi. Segnaliamo la 'sopa' a base di fegatini di pollo, ventrigli e verdure, e la dolce crema da friggere.

Ciò che tanti visitatori apprezzano è proprio il festoso stare a tavola durante le 'feste in piazza', quando si aprono i banchi gastronomici e, poi, quando ogni persona siede pacificamente vicino ad altre sconosciute partecipando a quell'aspetto della vita civile che è la convivialità. Non a caso già nella Bibbia si affermava che 'Un piatto di verdura con l'amore - è meglio d'un bue grasso con l'odio (Proverbi 15,17).

Verdure, pesce d'acqua dolce e di laguna, animali da cortile, cacciagione sono ben presenti nell'arte culinaria della terraferma. Una curiosità: a Mirano, per il Zogo de l'Oca, la gastronomia si sbizzarrisce con paté, salami, salsicce,ciccioli, prosciutto cotto e speck, naturalmente di oca. Ma ci sono anche i piatti d'una volta, la reinvenzione di una cucina antica durante i palii che guardano alle tradizioni più autentica. Agricoltura e orticoltura sono all'origine di alcune feste ricorrenti nell'area di Scorzé. Pensiamo alla 'Sagra dell'asparago e della fragola' a Gardigiano nel mese di maggio, quando si allestiscono spettacoli, lunapark e gare sportive; pensiamo alla 'Sagra dei bisi' in maggio-giugno a Peseggia, con mostre, spettacoli e stand gastronomici, alla ormai famosa 'Sagra del pomodoro' di Cappella di Scorzè nel mese di luglio con esposizioni e spettacoli. In autunno, la 'Sagra di San Martino' con la 'Mostra del radicchio trevigiano e del kiwi', di produzione locale e la Mostra dell'Artigianato.

------------------------------------------------------------

Notizia n. 408 dal Veneto

Torna a inizio pagina


Grafica e layout by mb - Tecnologia Webasic